Trasferimento!!

Ciao a tutti!

Questo è il mio ultimo post qui su WordPress perchè ho finalmente deciso di trasferire il blog su Blogger, una piattaforma con molte più possibilità di utilizzi e personalizzazione!

Quindi da oggi il mio blog si trasferisce ufficialmente su:

banner

http://my-lovely-addictions.blogspot.it/

Se avete un account Google, Twitter o Yahoo (o anche solo con l’email) mi farebbe piacere se continuaste a seguirmi, nella nuova pagina nella colonnina di destra c’è il pulsante blu “Unisciti a questo sito”!

Poi ho anche creato un banner mio, lo trovate nella scheda “Blog amici”, se volete aggiungermi tra i vostri affiliati ricambierò con piacere!!

Vi aspetto!

5157102

Alessandra

Recensione: “Ti aspettavo”, di J. Lynn

Ti aspettavo J LynnTi aspettavo (Wait for you)
Serie Wait for you #1 (serie di libri autoconclusivi)
Autrice: J. Lynn (alias Jennifer L. Armentrout)
Casa editrice Nord
Cartaceo 16,40 euro – Ebook 9,99 euro

L’università è la sua via di fuga. Per troppi anni, dopo quella maledetta festa di Halloween, l’esistenza di Avery Morgansten è stata un incubo, e adesso lei può finalmente ricominciare da capo. Tutto ciò che deve fare è arrivare puntuale alle lezioni, mantenere un profilo basso e – magari – riuscire a stringere qualche nuova amicizia. Quello che deve assolutamente evitare, invece, è attirare l’attenzione dell’unico ragazzo che potrebbe mandare in frantumi il suo futuro…
Cameron Hamilton è il sogno proibito delle studentesse del campus: fisico atletico e ammalianti occhi azzurri, è il classico ribelle dal quale una brava ragazza come Avery dovrebbe tenersi alla larga. Eppure Cam pare proprio spuntare ovunque, col suo atteggiamento disincantato, le simpatiche punzecchiature e quel sorriso irresistibile. E Avery non può ignorare il fatto che, ogni volta che sono insieme, il resto del mondo scompare e lei sente risvegliarsi quella parte di sé che pensava di aver perduto per sempre. Però, quando inizia a ricevere delle e-mail minacciose e delle strane telefonate notturne, Avery si rende conto che il passato non vuole lasciarla andare. Prima o poi la verità verrà galla e, per superare anche quella prova, lei avrà bisogno d’aiuto. Ma la relazione con Cam sarà la colonna che la sorreggerà o lo «sbaglio» che la trascinerà a fondo?

a662899f95f38bc82fa5358e350a6b6b

Quando capita di trovare un libro che ti coinvolge e ti trascina rimanendoti nel cuore è difficile trovare le parole giuste per
descrivere quanto lo hai apprezzato e rendergli giustizia.. bene, questo è il caso di “Ti aspettavo”.

Il fresco, attuale e coinvolgente stile di scrittura della Armentrout mi ha letteralmente travolta e risucchiata all’interno della storia, lasciandomi più volte con un sorriso sulla faccia e uno nel cuore..
Se proprio gli si vuole trovare un difetto, allora direi che è proprio il fatto che in men che non si dica ci si ritrova ad aver finito tutto il libro e a volerne leggere ancora… peccato sia un autoconclusivo, perché le vicende tra Cam ed Avery creano dipendenza!

Oh, santo cielo, stavo per cadere. Ormai era fatta. M’immaginai già con l’osso del collo spezzato. Sarebbe stato orribile… Qualcosa di solido e robusto mi cinse la vita, impedendomi di precipitare. La mia borsa invece finì a terra, rovesciando sul pavimento una pioggia di penne e libri costosissimi. Le mie penne! Le mie meravigliose penne stavano rotolando in ogni direzione. Un istante più tardi mi ritrovai addossata al muro.
Il muro era stranamente caldo.
Il muro sghignazzava.
«Ehi, tutto a posto, tesoro?» disse una voce profonda.
Il muro, a quanto pareva, non era un muro. Era un ragazzo.

397461_413241042093293_1405517943_n

I protagonisti sono fantastici, li ho amati entrambi fin da subito:
Avery, ragazza tormentata da un oscuro e triste passato, cambia città proprio per poter ricominciare, e in effetti l’incontro con Cam si rivelerà proprio l'”inizio” di cui aveva bisogno!
Cam, sembra -e lo è- il classico “simpaticone” e spavaldo sicuro di sé, un po’ esibizionista (sembrano mancargli le magliette, ma non è una critica, anzi! :-D), ed è quindi un ragazzo che conquista fin dal primo momento con le sue battutine e il suo carattere tutto particolare! Per non parlare del fatto che sa anche cucinare bene! impossibile resistergli! *-*
Forse una delle cose che ho amato di più in loro (e anche nei personaggi secondari -mi riferisco agli amici di Avery, Brittany e Jacob, che sono a dir poco fantastici) è che mi sono risultati molto credibili, veri e concreti, come se potessero uscire fuori dalle pagine da un momento all’altro!

«”La situazione non può essere così disperata, se splende ancora il sole”. Be’, mi è rimasto impresso. Forse perché è la verità. Finché splende il sole, le cose non possono andare male più di tanto. Per questo mi sono fatto tatuare un sole. Per ricordarmelo.»

La loro storia, pur trattando temi molto forti, rapisce e appassiona fin da subito, catapultando il lettore in un vortice di emozioni dal quale è impossibile uscire!
Questi due ragazzi insieme scopriranno, e ci insegneranno, che l’amore e la fiducia reciproca possono sostenerci nel momento del bisogno, possono darci la forza di lasciarci il passato alle spalle e ricominciare davvero a vivere!

Bellissima lettura, stra-consigliato! 5 stelline meritatissime!

5

Senza citare i BISCOTTI e le UOVA di Cam.. 🙂 dopo questo libro guarderò biscotti e uova con occhi diversi…
chocolate_cookies

Cam tirò fuori un tovagliolo di carta e lo dispiegò con le lunghe dita. «Un biscotto per te, un biscotto per me.»
Mi tolsi la penna dalla bocca e scossi la testa. «Non dovevi.»
«È solo un biscotto, tesoro.»
Scossi di nuovo la testa. Non lo capivo. D’altronde, però, non capivo quasi nessuno.
Cam mi guardò da sotto le ciglia lunghissime e sospirò. Strappò in due il tovagliolo, incartò di nuovo uno dei biscotti e me lo fece cadere sulle gambe. «So che non bisogna accettare caramelle dagli sconosciuti, ma è un biscotto, e tecnicamente io non sono uno sconosciuto.»
Deglutii.
Lui diede un morso e chiuse gli occhi. Dalla sua gola uscì un verso roco, un ringhio di piacere. Il cuore mi sobbalzò in petto e diventai ancor più rossa. Lo fissai. Lui fece di nuovo quel verso e io restai inebetita. Una ragazza nella fila davanti a noi si voltò.
«È davvero così buono?» chiesi, guardando il biscotto che avevo sulle gambe.
«Oh, sì, è una meraviglia. Te l’ho detto, ieri sera. Sarebbe ancora meglio con un po’ di latte.» Diede un altro morso. «Mmm, il latte.»

Spero anche nella pubblicazione degli altri volumi della serie “Wait for you” perché credo che sarebbero un successo proprio come questo primo libro!

La serie “Wait for you”:
1 – Wait for you –> Ti aspettavo (protagonisti Cam & Avery)
1.5 – Trust in me (protagonisti Cam & Avery, sono le vicende di ‘Ti aspettavo’ dal punto di vista di Cam!)
2 – Be with me (protagonisti Jase & Teresa -la sorella di Cam)
3 – Stay with me – non ancora pubblicato

Cattura

Recensione: “Il frutto proibito”, di S.C. Stephens

copFruttoProibitoCORR

Il frutto proibito (Thoughtless)
Serie Thoughtless #1
Autrice: S.C. Stephens
Leggereditore
Cartaceo 14 euro – Ebook 7,99 euro

Per quasi due anni, il fidanzato di Kiera, Denny, è stato tutto quello che lei ha sempre desiderato: amorevole, tenero, completamente dedito a lei. Quando si trasferiscono in una nuova città per iniziare la loro vita insieme e per seguire il lavoro di Denny, tutto sembra perfetto, persino il coinquilino con cui dividono la casa: una rock star locale, Kellan Kyle. Ma poi un imprevisto trasferimento di Denny a Tucson costringe la coppia felice a separarsi. Sentendosi sola, confusa e bisognosa di conforto, Kiera trova una spalla su cui piangere in Kellan. Dietro la sua facciata di bello e impossibile, scopre l’animo sensibile di un ragazzo con un passato complicato alle spalle e così, pian piano, quella che era nata come una semplice amicizia si trasformerà in qualcosa di più profondo, qualcosa che costringerà Kiera a scegliere tra passione e sicurezza, amore e affetto, certezza e ignoto. Una notte tutto cambierà, e nessuno di loro sarà più lo stesso…

Cover originale

Cover originale

Tradimento. Purtroppo è di questo che si parla in questo romanzo. E purtroppo la Stephens sembra saper raccontare molto bene e credo molto verosimilmente l’orrenda cosa che è il tradire qualcuno che si ama con qualcun altro.. e se poi questo qualcun altro è anche il migliore amico del proprio fidanzato, beh.. la situazione non potrebbe essere delle peggiori!
E infatti è quello che succede in questo caso, perché la cara Kiera -la più viziata, bisognosa, appiccicosa ed egoista delle protagoniste di cui abbia mai letto- dopo appena due mesi di lontananza dal suo ragazzo Denny -che era via per lavoro, mica in vacanza- cosa pensa bene di fare? Buttarsi nelle braccia del loro coinquilino Kellan, nonché migliore amico di Denny… perché? Perché si sente sola, trascurata e messa al secondo posto, dopo il lavoro del fidanzato.. come se il lavoro non fosse una cosa importante nella vita.. (il fatto che in quel momento fossero entrambi ubriachi a mio parere non li giustifica affatto..)
Tralasciando quindi che il tradimento di per sé è una cosa da non prendere nemmeno in considerazione, c’è da dire che Kellan è un vero figo, di quelli con con la F maiuscola.. cantante, rock star, voce sensuale e fisico perfetto… quindi probabilmente qualunque ragazza dotata di vista ne sarebbe rimasta affascinata.. ma questo per me non giustifica il comportamento di Kiera, che durante i mesi di assenza di Denny si avvicina gradualmente a Kellan (pur essendo già fidanzata), complicando sempre più la loro relazione ed arrivando fino al punto di non ritorno, ovvero il tradimento vero e proprio.

Sapevo benissimo che la nostra era un’amicizia al limite del tollerabile e che spesso sfociava in qualcosa di diverso, e mi rendevo anche conto che quello che stavamo facendo, tutto quel flirtare e stare così vicini continuamente, era pericoloso e stupido, era come sfidare ogni giorno la tentazione. Lo sapevo, eppure non riuscivo a farne a meno. Non riuscivo a non pensare a lui, a non volerlo vicino, a non toccarlo, a non stringerlo.

Thoughtless

 

La cosa brutta è che i loro sotterfugi, baci, carezze, ecc.. continuano anche dopo il ritorno di Denny, quindi il tutto avviene con loro tre che abitano sotto lo stesso tetto, proprio alle spalle di Denny!
Tutto ciò è condito con una sfilza di continui sensi di colpa di Kiera -e ci mancherebbe!-, la quale però, pur accorgendosi col tempo che prova qualcosa di più profondo per Kellan, non sembra intenzionata a lasciare Denny, ma nemmeno a  troncare lo strano rapporto che la lega a Kellan! Insomma, se li vuole tenere entrambi! [Mia reazione: odio profondo per Kiera.]

Fermò la mano pe un attimo, poi ricominciò ad accarezzarmi e sorrise impercettibilmente, ma non mi rispose. Io iniziai a rilassarmi e mi vennero in mente tutti i momenti innocenti che avevo trascorso con Kellan mentre Denny era via. La dolcezza di quegli attimi mi fece venire le lacrime agli occhi.
Lui divenne serio e mi asciugò una lacrima. “Ti faccio soffrire?”  mi chiese dolcemente.
“Ogni giorno…” gli risposi a bassa voce.

Il frutto proibito #header

Quindi..
Kiera: troppo egoista, non dimostra affatto tutto l’”amore” che dice di provare per Denny, al quale ha rifilato una bugia dopo l’altra; parecchie volte avrei voluto poterla picchiare con un’arma contundente per vedere se la sua testa conteneva davvero un cervello o no; l’ho odiata per quasi tutto il tempo;
Denny: il classico ragazzo perbene, gentile, amorevole ma anche molto ingenuo nel riporre tanta fiducia nelle persone a lui vicine, senza rendersi conto di quali bassezze alcune persone possano essere capaci!
Kellan: è troppo figo, troppo perfetto, troppo tutto per potercela avere con lui.. oltretutto, poteva essere solo figo e perfetto? No, doveva anche avere un triste passato alle spalle, cosa che giustifica completamente i suoi comportamenti, rendendo impossibile il non amarlo! In pratica vale la pena leggere questo romanzo -e quindi sorbirsi l’odiosa Kiera, che non meriterebbe nessuno dei due- solo per conoscerlo!

 “In tutte le altre vedo te. Sei tutto quello che vedo… tutto quello che desidero.”

Pro: Kellan Kyle. E ho detto tutto. Non si può non conoscerlo.
Contro: non mi è piaciuto il tema (il tradimento) e ho detestato a morte la protagonista (Kiera).

Il mio voto: 3 stelline!

3

Recensione: “Onislayer”, di Barbara Schaer

sfondo_blogTitolo: Onislayer
Autrice: Barbara Schaer
Formato ebook, prezzo 0,99 euro
Acquistabile su Amazon, iTunes, Kobo, Google Play

Il sito dell’autrice: http://barbaraschaer.blogspot.it/

A Fairport, stato di Washington, gli Eredi degli antichi clan giapponesi combattono da centinaia di anni una guerra silenziosa contro i demoni Oni. Braccati da una terribile maledizione, l’unico ostacolo al ritorno del feroce Oda Nobunaga dagli Inferi è il vincolo della Coppia Eletta che gli Eredi proteggono a costo della vita.
Jin e Asami sono i prescelti per creare la nuova Coppia Eletta, ma tutto cambia quando Asami sparisce senza lasciare tracce, mettendo in pericolo gli Eredi e spezzando il cuore a Jin.
Sullo sfondo di una guerra senza fine, Jin e Asami si ritroveranno di nuovo insieme, ma nulla sarà più uguale a prima. Animata da una fredda e letale sete di vendetta Asami coinvolgerà Jin nella sua battaglia personale, e in un mondo dove nulla è ciò che sembra, fra travolgenti passioni, tradimenti, e oscure profezie, scopriranno che nonostante tutto il dolore che li ha divisi, l’amore che un tempo li legava non è andato completamente perduto.

Devo ammettere che sono rimasta piacevolmente sorpresa da questo romanzo, già dalla trama mi era sembrato interessante, ma appena ne ho iniziato la lettura è stato subito amore! Se non fosse stato per vari impegni personali sarei rimasta attaccata al kobo come un orso al miele finchè non fossi arrivata alla fine!

Nella parte iniziale, in cui entrano in scena subito un po’ di personaggi e si fa riferimento a vari avvenimenti (anche del passato), sono rimasta forse un po’ confusa da ciò che leggevo perché non riuscivo a ricollegare i vari nomi e i fatti di cui si parlava con ciò che accadeva in quel momento…
…ma se ad alcuni lettori questo fatto (ovvero di avere tanta carne al fuoco fin dall’inizio senza capirne subito il nesso con la storia principale) potrebbe dar fastidio, io l’ho trovato molto intrigante ed è forse anche per questo che sono stata presa dalla mia cosiddetta “smania di leggere”! Volevo sapere, capire e ricollegare il tutto, ed ogni sera era sempre più difficile spegnere l’e-reader per andare a dormire!

a50249937d7c6ca333ad8b0b6e9ede49-d3egbih

Mi è stato chiaro fin da subito che la storia mi piaceva molto, io amo il Giappone e tutte le sue tradizioni e leggende e quindi, anche se non è ambientato propriamente in Giappone, ho apprezzato tantissimo l’originalità della trama e i riferimenti ai fatti storici, alle armi, al vestiario.. insomma, ho desiderato più volte essere teletrasportata dentro le pagine!
Sulla storia e ciò che succede non voglio raccontare niente perché questo è un romanzo tutto da gustare!

Per ciò che riguarda i protagonisti.. mi hanno fatto penare, devo ammetterlo, nel senso che il modo fantastico in cui l’autrice ha descritto le emozioni, i sentimenti e i loro pensieri mi ha fatto sviluppare una sorta di empatia (soprattutto con il povero Jin) e quindi ho sofferto e gioito con loro. Ovviamente, sempre grazie a loro, non sono mancate le occasioni in cui mi sono ritrovata con gli occhi a cuoricino o per poco non rischiavo l’infarto, ma alla fine ho avuto le soddisfazioni che desideravo! :-3

“Gli sembrava di soffocare, lentamente e inesorabilmente, imprigionato da ricordi, doveri e delusioni che gli avevano cucito addosso una gabbia invisibile e pesante.”

428274_377403842278122_100000255286461_1433265_2045708642_n_largeDevo dirlo, Asami è forse la protagonista più badass di cui abbia mai letto, ha un look meraviglioso (capelli rasati da un lato ed enorme tatuaggio su metà del corpo) ed ha un caratterino non da poco, ma che però contrasta alla perfezione con il suo lato fragile, sepolto molto in profondità e a cui non permette di venire a galla, date le difficili situazioni che ha attraversato e che ancora la attendono.
Jin….potrei riempire pagine e pagine di quello che penso, ma.. riassumendo.. lo amo. Punto. (A.A.A. cercasi indirizzo di casa e numero di telefono di Jin McDowell!) All’apparenza è il classico guerriero che fa il duro (ed effettivamente lo è anche parecchio), ma d’altra parte è anche un uomo e quindi quale potrebbe essere il suo tallone d’Achille? Un donna! Quella che guarda caso l’ha lasciato, scappando anche, ed è quindi l’unica che non può avere! Banale? No, maledettamente romantico!!!

“Perché, sì, Asami si era presa il suo cuore, ma nessun’altra doveva azzardarsi a riportarlo al suo posto. Mai.”

In conclusione..
– ho amato la storia e gli sviluppi inaspettati che ci sono stati
– ho adorato i protagonisti e mi sono piaciuti molto anche quelli secondari
– smanio per sapere cosa accadrà in futuro
è uno di quei romanzi che rileggerei daccapo un attimo dopo averlo finito!

Se a tutto questo aggiungiamo:
– una narrazione che risucchia fin da subito il lettore all’interno delle pagine, risultando scorrevole, coinvolgente e interessante
meravigliose frasi e riflessioni, che non mancano di emozionare il lettore
– un protagonista maschile da far girare la testa, praticamente il sogno di ogni donna
– una protagonista femminile da invidiare per la sua forza di spirito

Cosa otteniamo? Un romanzo fantastico, semplicemente imperdibile!

“E spesso, là dove non arrivavano il coraggio, la determinazione o la tenacia, arrivava il cuore.”

Ovviamente, 5 stelline piene!

5

Barbara, sei ufficialmente una delle scrittrici che mi hanno stritolato il cuore, facendomi sperare che da qualche parte nel mondo possano esistere un uomo e un amore così!!! *-*
Ti faccio ancora tantissimi complimenti e ti ringrazio di avermi mandato il tuo romanzo che, se non si fosse capito, mi è piaciuto davvero tanto! Non vedo l’ora di leggere il seguito!!!!

Rece-pensiero: “Shadowhunters Il Codice”, di Cassandra Clare e Joshua Lewis

19341484

Shadowhunters Il codice (The Shadowhunter’s Codex)
Cassandra Clare, Joshua Lewis
Ed. Mondadori
Novembre 2013
Cartaceo, prezzo 17,00 euro

Il Codice è il preziosissimo manuale che viene tramandato di generazione in generazione ai nuovi Shadowhunters, destinati a combattere i demoni, a proteggere i mondani e a controllare il complicato mondo dei Nascosti. Quali sono gli strumenti necessari a svolgere la loro missione? Quali le armi, gli equipaggiamenti, le tecniche di combattimento, gli Strumenti Mortali? Come riconoscere i Demoni e i Nascosti? In che modo utilizzare le rune? Un appassionante approfondimento sulla saga urban fantasy più famosa al mondo: l’unico e il solo manuale per diventare un perfetto Shadowhunter.

13568619

Cover originale

I disegni all’interno sono molto carini, soprattutto quelli di Cassandra Jean, sono meravigliosi, capolavori come sempre. Peccato per le due illustrazioni a colori che nell’edizione con copertina rigida originale c’erano nelle prime e nelle ultime 2 pagine, nell’edizione italiana non li hanno mantenuti, nonostante il prezzo piuttosto alto. Nel testo, alcuni aneddoti e curiosità sono molto interessanti perché vanno ad integrarsi bene con tutto ciò che già sappiamo del mondo di Cassie. Altri parti invece sono abbastanza banali (“che cos’è un vampiro?”) e a volte un pochino pesanti da leggere, com’era prevedibile, però dato che il Codex di per sé è fatto apposta per chi “parte da zero” e -in teoria- non conosce niente di questo mondo, tutto sommato l’ho apprezzato molto! Spiega tutto ciò che c’è da sapere fin nei minimi dettagli!

Detto ciò… una nota sulle traduzioni dell’EDIZIONE ITALIANA, che come sempre riesce a storpiare le mie parti preferite..
Stavolta è toccato alla filastrocca per bambini sui colori (Shadowhunter’s children rhyme) .. che in originale è:

Black for hunting through the night
For death and mourning the color’s white
Gold for a bride in her wedding gown
And red to call enchantment down.
White silk when our bodies burn,
Blue banners when the lost return.
Flame for the birth of a Nephilim,
And to wash away our sins.
Gray for knowledge best untold,
Bone for those who don’t grow old.
Saffron lights the victory march,
Green will mend our broken hearts.
Silver for the demon towers,
And bronze to summon wicked powers.

Davvero bella! Ma sarà stata tradotta bene?

7937004

Nero per cacciare nella notte
Bianco per il dolore e per la morte
Per l’abito da sposa il colore dorato
Per fare un incantesimo il rosso infuocato

E fin qui tutto bene.. hanno trovato pure le rime..
Blu se una serata al bowling vuoi passare
Come come???? Shadowhunters al bowling? °_°
Verde se Lanterna Verde vuoi imitare!
Certo! Perché gli Shadowhunters, come tutti sanno, conoscono alla perfezione i supereroi come Lanterna Verde.. sono il loro pane quotidiano, e non desiderano altro che imitarli!!! Oh.My.God.
Argento per stare nei night club intere ore
qui……non serve commentare.
Viola se bere nei bar squallidi ti aggrada
Non so che dire nemmeno qui….lo sconcerto è alle stelle!
Arancione per farsi vedere di notte sulla strada
Tipo giubbotto retroriflettente??? Cos’è, hanno bucato una gomma alla loro macchina e hanno accostato sulla strada?? MA PER PIACERE.

7937005

In conclusione: hanno estirpato completamente il senso della filastrocca, inserendo delle frasi a dir poco ABOMINEVOLI e che non c’entrano NIENTE con il mondo di cui si parla, saltando inoltre a piè pari righe intere (da 14 righe che erano in origine sono diventate 9 in italiano, di cui poi solo 4 sono state ben tradotte). Ottimo lavoro davvero “traduttori”!

tumblr_inline_mgupvtmmpc1re0jxj

A parte questo appunto (che comunque NON è cosa da poco), tutto il resto mi è piaciuto!
4 stelline!

4

Interstellar

Ci siamo sempre contraddistinti
Per la capacità di superare l’impossibile
E consideriamo quei momenti
Quei momenti in cui osiamo puntare più in alto
Infrangere barriere
Raggiungere le stelle
Conoscere l’ignoto
Consideriamo questi momenti come le nostre più gloriose conquiste
Ma abbiamo perso tutto questo
O forse abbiamo solo dimenticato
Che siamo ancora pionieri
E abbiamo appena iniziato
Che le nostre maggiori conquiste non possono essere alle nostre spalle
Che il nostro destino
È sopra di noi.

Come nei film

FilmReel(ForUseOnBW.com)

“Ma perché non funziona tutto come nei film? Perché gli estranei in metropolitana, invece che limitarsi a guardarti, non attaccano bottone dicendoti che hai un sorriso bellissimo? Perché dopo trent’anni, in un caffé del centro, non rincontri mai la persona per cui hai lottato? Perché le madri fanno fatica a capire i propri figli e i padri ad accettarli? Perché la frase giusta arriva sempre durante il momento sbagliato? Perché non ti capita mai di correre sotto la pioggia, di arrivare davanti al portone di qualcuno, farlo scendere, scusarti e iniziare a parlare a vanvera per poi trovarti labbra a labbra e sentirti dire: ‘non importa, l’importante è che sei qui’? Perché non vieni mai svegliato durante la notte da una voce al telefono che ti dice: ‘non ti ho mai dimenticato’? Se fossimo più coraggiosi, più irrazionali, più combattivi, più estrosi, più sicuri e se fossimo meno orgogliosi, meno vergognosi, meno fragili, sono sicura che non dovremmo pagare nessun biglietto del cinema per vedere persone che fanno e dicono ciò che non abbiamo il coraggio di esternare, per vedere persone che amano come noi non riusciamo, per vedere persone che ci rappresentano, per vedere persone che, fingendo, riescono ad essere più sincere di noi.”

[David Grossman – Qualcuno con cui correre]